L12 Mediazione Linguistica e Culturale

Informazioni generali

Ultimo anno accademico di attivazione: 2016/2017

Docenti di riferimento a.a 2016-2017: Giuliana Altea, Tania Baumann, Paola Cadeddu, Alessandra Cattani, Massimo Dell’Utri, Lorenzo Devilla, Simonetta Falchi, Monica Farnetti.

Docenti aggregati a.a. 2016-2017: Fabrizio Ara, Davide Bilò, David Brett, Antonella Calaresu, Veronica Camerada, Lucia Cardone, Angelo Castellaccio, Marzia Caria, Sara Chessa, Mariantonietta Cocco, Antonella Diana, Piero Fois, Anna Frassetto, Marta Galinanes Gallen, Brigitte Handwerker, Antonio Ibba, Franco Lai, Iban Leon Llop, Elisa Levi Sabattini, Silvia Lutzoni, Giuliana Mannu, Antonio Pinna, Filippo Sani, Simonetta Sanna, Giovanni Strinna, Fiorenzo Toso, 

Rappresentanti degli studenti: Federica Cau, Nicoletta Pinna

Corsi a esaurimento collegati: classe 3 Mediazione linguistica; classe 11 Lingue e culture straniere moderne; Lingue e Letterature straniere quadriennale

Modalità di accesso

Accesso libero con verifica obbligatoria delle conoscenze in ingresso

Il Corso è ad accesso libero ma, come prevede la normativa nazionale, è obbligatorio sostenere la prova in ingresso, che consisterà in un test online con quesiti di cultura generale e lingua italiana e nella scelta di due lingue straniere tra Francese, Inglese, Spagnolo e Tedesco. L'esito del test non preclude in alcun modo la possibilità di immatricolarsi, ragion per la quale l'immatricolazione può essere effettuata anche prima della prova. Un risultato insufficiente determinerà però l'attribuzione di Obblighi Formativi Aggiuntivi (Debiti) da colmare nell'arco del primo anno di iscrizione sulla base delle direttive che i docenti comunicheranno.

Obiettivi Formativi Qualificanti (DM 16/03/2007)

I laureati nei corsi di laurea della classe devono:
* possedere una solida base culturale e linguistica in almeno due lingue, oltre l'italiano, e nelle relative culture;
* possedere sicure competenze linguistico-tecniche orali e scritte sorrette da adeguato inquadramento metalinguistico;
* possedere specifiche conoscenze relative alla struttura delle lingue naturali e una adeguata formazione di base nei metodi di analisi
linguistica;
- possedere nozioni di base in campo economico o giuridico o storico-politico o geografico-antropologico o letterario;
- essere in grado di utilizzare gli strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione;
- possedere adeguate conoscenze delle problematiche di specifici ambiti di lavoro (istituzioni pubbliche, imprese produttive, culturali,
turistiche, ambientali, ecc.) in relazione alla vocazione del territorio e alle sue possibili evoluzioni, con riferimento anche alle dinamiche
interetniche e interculturali.
Sbocchi occupazionali e attività professionali previsti dai corsi di laurea della classe sono nel campo: dei rapporti internazionali, a livello
interpersonale e di impresa; della ricerca documentale; della redazione, in lingua, e traduzione sia di testi aventi rilevanza culturale e letteraria,
sia di altri generi testuali quali rapporti, verbali, corrispondenza; di ogni altra attività di assistenza linguistica alle imprese e agli enti e istituti
pubblici, sia nell'ambito della formazione e dell'educazione linguistica sia nell'ambito dei servizi culturali rivolti a contesti multilinguistici e
multiculturali e alla tutela dei dialetti e delle lingue minoritarie e delle lingue immigrate.

Ai fini indicati, i curricula dei corsi di laurea della classe:
- comprendono in ogni caso attività linguistico-formative finalizzate al consolidamento della competenza scritta e orale dell'italiano e delle
altre lingue di studio e all'acquisizione delle conoscenze fondamentali necessarie alla mediazione interlinguistica e interculturale;
- comprendono in ogni caso l'introduzione alla traduzione, ai fini della mediazione linguistica di testi scritti e multimediali, di testi inerenti
alle attività dell'impresa o degli enti e delle istituzioni rilevanti; possono altresì comprendere un addestramento di base per lo sviluppo delle
competenze necessarie all'interpretazione di trattativa; la prova finale verificherà anche le competenze relative alla mediazione linguistica
mirata;
- prevedono insegnamenti economici e/o giuridici funzionali all'ambito di attività previsto, ovvero altri insegnamenti maggiormente collegati
alla vocazione del territorio e alle finalità del corso;
- prevedono tirocini formativi o corsi presso aziende, istituzioni e università, italiane o estere, ovvero corsi e altre esperienze formative e
culturali atte a favorire l'inserimento del laureato nel mondo del lavoro.