Erasmus + Mobilità ai fini di studio

Cos'è l'Erasmus?

Il Programma Erasmus permette agli studenti delle università dei Paesi dell'Unione Europea di trascorrere un periodo di studio presso un'università di un altro Paese dell'Unione o comunque aderente al Programma senza incorrere in ulteriori tasse.
Gli studenti che partecipano all'Erasmus hanno diritto a una borsa di studio finalizzata ad alleggerire i costi del soggiorno all'estero. Inoltre, godono degli stessi diritti degli studenti dell'università ospitante: pertanto, possono usufruire dei servizi e delle strutture di tale università, frequentare corsi, esercitazioni e seminari, sostenere gli esami, curare la preparazione della tesi di laurea, svolgere dei tirocini, purché previsti nel piano di studi curriculare o altrimenti approvati dal Dipartimento e/o Corso di laurea di appartenenza.

Chi può partire? Quando e per quanto tempo?

Possono concorrere all'assegnazione della borsa Erasmus gli studenti che risultano iscritti a corsi di laurea, corsi di specializzazione, master e dottorati di ricerca dell'Università di Sassari. È possibile concorrere alla borsa sin dal primo anno d'iscrizione e realizzare il periodo di studio presso un'altra università europea a partire dal secondo anno. Una buona conoscenza della lingua del Paese ospitante o della lingua utilizzata presso l'Università di destinazione è titolo preferenziale per l'assegnazione delle borse, in quanto è un requisito tassativamente richiesto dall'Università di destinazione.
Le borse Erasmus hanno una durata minima di tre mesi e massima di dodici mesi per le mobilità relative al I-II semestre e di sei mesi per quelle del II semestre.

L'attività svolta all'estero è riconosciuta nell'Università di appartenenza?

“Certo! Prima dell'inizio della mobilità, l'Università di appartenenza e l'Università ospitante sottoscrivono con lo studente un contratto di studio (il learning agreement), in cui è descritto il piano di studi previsto per il periodo di mobilità (gli esami da sostenere, le attività formative da svolgere, le ricerche per la tesi di laurea e i crediti formativi da acquisire). Alla fine del periodo di studio all'estero, l'Università ospitante è tenuta a rilasciare una certificazione ufficiale dei risultati di profitto ottenuti dallo studente (il transcript of records), in cui sono elencati gli esami sostenuti, le votazioni riportate e i crediti conseguiti. Sulla base dei risultati certificati nel transcript of records l'Università di Sassari riconosce gli esami superati e i crediti ottenuti dai suoi studenti all'estero, trasferendoli nelle loro carriere universitarie.

Si ricorda che, in base ai Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio in Servizio Sociale, le attività di tirocinio effettuate all’estero sono riconosciute nel seguente modo:

  • per gli studenti del Corso di Laurea in Servizio Sociale a Indirizzo Europeo (Classe 6 e L-39) e del Corso di Laurea in Servizio Sociale (L-39) il tirocinio di 2° livello può essere riconosciuto un massimo di 75 ore (3 CFU) per gli studenti afferenti al  vecchio ordinamento (Classe 6) e un massimo di 125 ore (5 CFU) per quelli afferenti al nuovo ordinamento (L-39); per il tirocinio di 3° livello può essere riconosciuto un massimo di 175 ore (7 CFU) per gli studenti che afferiscono sia al vecchio che al nuovo ordinamento
  • per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali il tirocinio può essere riconosciuto un massimo di 175 ore (7 CFU).

Inoltre, viene attribuito un punto bonus sul voto di laurea per tutti gli studenti che hanno partecipato al programma Erasmus SMS alle seguenti condizioni: solo se l'indice risultante da CFU maturati/mensilità della borsa sarà uguale o superiore a 3 (p.e. 18 CFU maturati in 6 mesi =3, punto bonus: sì; 18 CFU maturati in 9 mesi = 2, punto bonus: no). Per i laureandi di L-12, L-15 e LM-38 iscritti col Manifesto 2009/10, 2010/11 e 2011/12 vale invece quanto scritto nei rispettivi Manifesti: a loro si attribuirà quindi il punto bonus per 2 esami sostenuti per complessivamente almeno 12 CFU.”

Quali sono i diritti e i doveri degli studenti Erasmus?

Gli studenti assegnatari di borse Erasmus sono a tutti gli effetti equiparati agli studenti dell'Università ospitante: hanno diritto a usufruire degli stessi servizi offerti ai loro colleghi, sono ammessi a seguire i corsi e a sostenere i relativi esami, a svolgere ricerche per la tesi, a frequentare biblioteche e laboratori, a seguire tirocini o stage presso aziende, istituzioni, imprese, laddove esistano specifiche convenzioni stipulate dall'Ateneo ospitante; inoltre, hanno diritto a ottenere il riconoscimento del periodo di studio, delle attività e degli esami sostenuti.
Lo studente assegnatario della borsa dovrà concordare con i docenti il proprio learning agreement e impegnarsi a svolgere presso l'Università ospitante le previste attività formative.

Contributi finanziari

L'Università di Sassari incoraggia l'esperienza di studio all'estero e offre ai suoi studenti un sostegno decisivo sia nella fase di maturazione-definizione del progetto (servizi di orientamento e tutorato, elaborazione del piano di studio, individuazione delle sedi universitarie in relazione ai diversi indirizzi, corsi di lingua straniera per gli studenti in partenza, contatti scientifici e accademici con le università partner), sia durante il soggiorno all'estero per far sì che lo studente Erasmus possa mettere pienamente a frutto le opportunità formative offertegli dall'Università ospitante.

L'Università di Sassari mette tempestivamente a disposizione dei suoi studenti Erasmus tutti i finanziamenti che l'Unione Europea, il Ministero dell'Università e soprattutto la Regione Sardegna destinano per la mobilità internazionale studentesca. Grazie a questi finanziamenti, e anche grazie agli ulteriori contributi stanziati dalle strutture didattiche dell'Ateneo, gli studenti Erasmus dell'Università di Sassari possono contare su un sostegno economico che non ha eguali né in Italia né in Europa.
Gli studenti assegnatari di una borsa Erasmus potranno far richiesta per avere un anticipo per far fronte alle spese viaggio ecc. In base alla posizione in graduatoria e a seconda delle risorse diponibili, agli studenti potrà essere concessa una significativa anticipazione di 1.500-2000 euro.
Poiché l'erogazione della borsa Erasmus è legata all'obbligo di svolgere con risultato soddisfacente le attività didattico-scientifiche previste dal Learning Agreement, gli studenti sono tenuti a conseguire non meno di 12 CFU su base annua. In caso di inadempimento lo studente può essere chiamato a restituire, in tutto o in parte, l'ammontare dei finanziamenti ricevuti, ai sensi dell'art. 8 del Bando.

E' prevista l'erogazione di sovvenzioni aggiuntive agli studenti che avranno conseguito i migliori risultati di profitto durante la loro esperienza all'estero. La classifica dei meritevoli sarà stilata tenendo conto, in primo luogo, del numero degli ECTS/CFU conseguiti presso la sede ospitante ed eventualmente altri criteri comparativi previamente stabiliti da ciascun Dipartimento, il quale dovrà renderli noti e comunicarli adeguatamente agli studenti impegnati nella mobilità.

Gli studenti diversamente abili, titolari di una borsa Erasmus e in possesso dei requisiti richiesti dall'apposito bando annuale dell'Agenzia Nazionale Erasmus+ INDIRE, possono richiedere, attraverso la propria Università, all'Agenzia predetta un contributo supplementare, che negli ultimi anni accademici si è concretizzato in una borsa mensile aggiuntiva di 220,00 euro. Per ulteriori informazioni si rimanda al seguente link: www.bit.ly/1DTHDNw

Rimborso spese Programma Erasmus SMS a.a 2013-2014
Diversi Dipartimenti, in base alle risorse economiche disponibili, sostengono la mobilità internazionale dei loro studenti, erogando un ulteriore contributo a fronte di spese documentate. L'entità e le finalità di tali contributi variano in relazione ai deliberati di ogni Dipartimento. Lo studente dovrà inoltrare la richiesta del contributo, corredata della documentazione necessaria, alla Segreteria della Direzione del Dipartimento di appartenenza.
Tutti coloro che desiderano usufruire di tale contributo dovranno presentare la documentazione sotto elencata:

  • Biglietti aerei e relative carte di imbarco, di andata e ritorno, originali corrispondenti al periodo della borsa;
  • Biglietti per le spese di trasporto (treno, bus) per il raggiungimento della sede Universitaria estera ospitante, per il giorno di andata e ritorno;
  • Fotocopia del proprio Codice Fiscale;
  • In caso di proroga della borsa, attestazione rilasciata dall'Ufficio Relazioni Internazionali relativa all'accettazione del prolungamento;
  • Coordinate bancarie (codice IBAN) per il versamento in c/c del contributo;
  • Copia dell'istanza di riconoscimento esami Erasmus;
  • Copia dell'attestato di frequenza dell'Università ospitante.

Istruzioni per istanza riconoscimento esami erasmus

L'istanza di riconoscimento degli esami Erasmus va consegnata alla Segreteria studenti (palazzo Zirulia – piazza Università). L'istanza dev'essere completa della seguente documentazione:

  • modulo compilato "Riconoscimento esami Erasmus", scaricabile sul sito del Dipartimento, sezione Modulistica
  • lo "stay certificate" con le date precise di inizio e fine mobilità;
  • copia del Transcript of Records;
  • copia del Learning Agreement e successive modifiche;
  • copia di eventuali altre certificazioni.

DOVE POSSONO FARE L'ERASMUS GLI STUDENTI DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE E SOCIALI?

Le sedi

AUSTRIA

BELGIO

 BULGARIA

FINLANDIA

FRANCIA

 GERMANIA

LETTONIA

LITUANIA

MALTA

POLONIA

PORTOGALLO

ROMANIA

SPAGNA

SVEZIA

TURCHIA